stampa
Dimensione testo
ANNA MADRE

Peschereccio sequestrato, equipaggio ancora bloccato in Tunisia

MAZARA DEL VALLO. Situazione di stallo, per il momento, per la vicenda relativa al sequestro, nella notte tra il 15 e il 16 settembre scorsi, in acque internazionali, del peschereccio mazarese Anna Madre da parte di militari tunisini che hanno condotto l’imbarcazione a Sfax.

L'equipaggio continua lo sciopero della fame e l'armatore, Giampiero Giacalone, continua a contestare «il sequestro del motopesca perchè si trovava in acque internazionali, la confisca del pescato congelato a bordo, circa tre tonnellate di gamberi e cento chilogrammi di pesce misto, del valore di circa 40 mila euro, poichè queste specie di pesci non si pescano nelle acque tunisine e l’applicazione dell’ammenda, fissata, peraltro, a una cifra troppo esorbitante: 69 mila euro».

Giacalone conclude: «Non siamo recidivi, non abbiamo mai sconfinato nelle acque tunisine e l’unico precedente del comandante dell’Anna Madre, Giacomo Giacalone, un giovane di 30 anni, è quello di avere salvato un gruppo di migranti, tre anni fa, con il natante Padre Pio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X