stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Peschereccio di Mazara fermato e rilasciato a Creta
NUOVA ALCAPA

Peschereccio di Mazara fermato e rilasciato a Creta

di

MAZARA DEL VALLO. Dopo un'estenuante e trattativa, il pagamento di una ammenda e la consegna del pescato, il peschereccio mazarese “Nuova Alcapa”, iscritto all'albo marittimo di Mazara del Vallo, fermato nel pomeriggio di sabato mentre si trovava in acque internazionali antistanti la costa dell'isola di Creta ha potuto ieri sera lasciare il porto di Eraklion.

Il motopesca con a bordo 7 uomini di equipaggio (di cui 5 siciliani e 2 maghrebini) era impegnato in attività di pesca oltre il limite delle acque territoriali greche (6 miglia) quando è stato affiancato da un gommone delle Autorità marittime di Eraklion i cui militari hanno intimato al comandante Dell'Arno di interrompere l'attività di pesca e di seguirli in porto.

Il peschereccio era uscito da Mazara del Vallo il 12 maggio scorso e il prossimo 12 giugno avrebbe effettuato come tanti altri pescherecci italiani il bunkeraggio proprio nel Porto di Eraklion.

Gli armatori del peschereccio, Vito Gancitano e figli, hanno contattato il presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu Giovanni Tumbiolo che ha subito attivato la filiera diplomatico-istituzionale informando dell'accaduto il Comando delle Capitanerie di Porto, il console onorario, l'assessore regionale alla Pesca Antonello Cracolici che ha seguito costantemente la vicenda in stretto contatto con il Sottosegretario agli Affari Esteri, Vincenzo Amendola. “Siamo stati protagonisti - ha sottolineato il comandante Dell'Arno- di una brutta avventura ma attraverso il sistemablue-box possiamo dimostrare che pescavamo in acque internazionali, oltre le 6 miglia, limite delle acque nazionali greche”.

“Insieme al mio equipaggio voglio ringraziare in particolare il Console Italiano Paolo Bartolozzi che ci è stato fisicamente vicino in questa permanenza forzata a Eraklion ed il Presidente del Distretto Pesca Giovanni Tumbiolo che ha seguito la vicenda dall'inizio alla fine ed è stato in stretto contatto con le varie Autorità al fine di trovare una soluzione all'intrigata vicenda”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X