stampa
Dimensione testo
CORTE DEI CONTI

Mazara, medico dovrà restituire 150 mila euro all’Asp: «Infarto non rilevato»

di

MAZARA DEL VALLO. Nel 2007, in servizio al pronto soccorso dell'ospedale di Mazara, non avrebbe diagnosticato ad un paziente l'infarto in corso limitandosi ad eseguire un elettrocardiogramma e dimettendolo dopo avergli somministrato il Plasil «farmaco notoriamente preposto all’attenuazione dei sintomi della nausea».

Dieci anni dopo la morte di Damiano Asaro, 58 anni, di cui venne ritenuto corresponsabile e condannato in sede penale per omicidio colposo, la Corte dei conti intima al dottor Giovanbattista Passalacqua, 68 anni, originario di Marsala, di restituire all'Asp di Trapani 150 mila euro. Una parte degli oltre 400 mila euro versati agli eredi della vittima.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X