IL CASO

Acqua a Trapani, la città "spaccata" in due

di

TRAPANI. Centosessantatré litri di acqua al giorno. È la distribuzione media avvenuta lo scorso anno in città, leggermente superiore a quella del 2015, ma, soprattutto, pressoché costante nel corso degli ultimi anni, con la città che è, di fatto, divisa in due per quanto riguarda le turnazioni. Il centro storico e la parte nuova della città, infatti, ricevono l’acqua a giorni alterni, riuscendo a soddisfare i bisogni della cittadinanza.

Ed il futuro si prevede ancora più roseo, considerato che a breve la Regione erogherà un finanziamento di 35 milioni per intervenire sulla dispersione della rete idrica. Da sempre il vero problema della città e che ha raggiunto anche picchi del 60%. «Soprattutto nelle periferie – spiega il sindaco Vito Damiano -, in quanto in queste porzioni di territorio la rete è “aperta”, mentre, normalmente, in città è “chiusa”.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X