stampa
Dimensione testo
MAFIA

Messina Denaro, un cugino: "A Castelvetrano si vive ancora nel suo mito"

CASTELVETRANO. «A Castelvetrano si vive ancora del mito di Matteo Messina Denaro in una forma quasi devozionale, come se fosse un Dio che tutti venerano. Molti sarebbero pronti ad aiutarlo pur rimettendoci la libertà. Conosco persone che lo pensano, ma per fortuna sono sempre meno perchè stanno crescendo le persone che vedono tutto questo con disprezzo»: lo ha detto Giuseppe Cimarosa, cugino del superlatitante Matteo Messina Denaro e figlio di un ex fedelissimo del boss, Lorenzo Cimarosa. Giuseppe Cimarosa ha preso le distanze dall'ambiente mafioso pubblicamente da qualche anno.

Sabato 7 gennaio, il padre di Giuseppe, Lorenzo Cimarosa, pentito di mafia, è morto e nella chiesa di Maria Santissima Annunziata di Castelvetrano si sono svolti i funerali. «Mio padre - ha ricordato Giuseppe Cimarosa, ospite di 'Siamo Noì, programma di approfondimento sociale di Tv2000 - ha avuto il coraggio di ribellarsi e dire basta. Era l'unico modo per tagliare questo cordone. E così facendo ci ha resi orgogliosi e soprattutto ci ha donato la libertà di poter essere noi stessi e dire ciò che pensiamo senza avere paura. Questo non è così scontato. Matteo Messina Denaro non l'ho mai conosciuto, mi è parente da parte di mia madre. Portare il fardello di questa parentela è stato un incubo. Mi sono sempre vergognato e la mia fortuna è che non porto il suo stesso cognome.

Altre persone avrebbero fatto carte false per poter vantare una parentela di questo tipo, ma fin da piccolo ho capito che tale parentela poteva essere un problema per me e la mia famiglia». «Dopo la collaborazione di mio padre con la giustizia - ha proseguito Giuseppe Cimarosa - ci venne prospettata la possibilità di entrare in un programma di protezione che avrebbe coinvolto tutta la mia famiglia. Noi lo abbiamo rifiutato perchè sarebbe stata una resa e una perdita di libertà. Non posso rinunciare al mio nome e cognome o andare a vivere in un paese che non è il mio perchè non riescono a catturare Messina Denaro. Sono rimasto a Castelvetrano, una scelta condivisa da tutta la mia famiglia». «La chiesa dove è stato celebrato il funerale di mio padre - ha concluso - è a pochi metri dalla casa della famiglia Messina Denaro. Erano lì alla finestra mentre si godevano lo 'spettacolò. Oggi ho sicuramente paura ma questa non è la mia battaglia, è la battaglia di tutti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X