stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Marsala, assolti due medici accusati di lesioni gravissime

di

MARSALA. Due medici del Pronto soccorso dell'ospedale "Borsellino", Vito Sciacca Parrinello e Antonio Guarnotta, sono stati assolti ("il fatto non sussiste") dall'accusa di lesioni personali colpose gravissime. Reato contestato per non "avere somministrato un farmaco ad azione trombolitica" a un paziente con sospetto ictus cerebrale. La sentenza è stata emessa, con rito abbreviato, dal giudice monocratico Matteo Giacalone.

A denunciare i due medici era stato il fratello di un paziente (S.L., di 51 anni) che il 3 maggio del 2013, poco prima delle 7 del mattino, arrivò al Pronto soccorso con sintomi tipici di una ischemia cerebrale in corso: deviazione della rima labiale e un occhio che tendeva a non allinearsi. Secondo l'accusa, i due medici non si adoperarono tempestivamente per trasferire l'uomo al Villa Sofia di Palermo. A difendere i due medici sono stati gli avvocati Gaetano Di Bartolo (per Guarnotta) e Carlo Ferracane (per Sciacca Parrinello). Decisiva per l'esito del processo la consulenza tecnica disposta dalla Procura, dalla quale, come evidenziato dai legali della difesa, è emersa "l'insussistenza del fatto contestato", in quanto all'epoca dei fatti (3 maggio 2013) nell'ospedale marsalese non era possibile praticare la terapia trombolitica.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X