stampa
Dimensione testo
POLIZIA MUNICIPALE

Ai vigili di Erice «premio» solo dopo 15 multe: è polemica

di

TRAPANI. «Quindici sanzioni al Codice della strada per turno». È la singolare prescrizione a cui devono attenersi gli agenti «contrattisti» della polizia municipale di Erice che hanno aderito ad un progetto obiettivo in corso di svolgimento. Detto in soldoni: i vigili che non elevano almeno 15 multe, ogni qualvolta sono in servizio di pattuglia, non percepiranno gli emolumenti previsti dal progetto, circa 1.500 euro durante la stagione estiva. Una cifra non indifferente per coloro i quali, come i «contrattisti», percepiscono circa 800 euro al mese di stipendio.

Sulla legittimità della clausola nessuno si esprime compiutamente: il sindaco di Erice, Giacomo Tranchida, dice che «l’idea di fare prevenzione è pura filosofia», perché i risultati si ottengono «quando si tocca la tasca dei cittadini», pertanto «siamo per la tolleranza zero».

L’obiettivo del progetto è quello di «potenziare e migliorare i servizi di controllo del territorio e di sicurezza urbana», ma stabilire un numero minimo di multe potrebbe suonare come una forzatura. «Gli aspetti tecnici del progetto sono stati curati dagli uffici competenti e non da noi politici». A dirigere la polizia municipale, dal primo luglio, c’è Giacomo Catania il quale si limita a dire che «se dovessero esserci dei vizi si correggeranno».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X