stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE

Marsala, truffa all'Inps: il pm chiede la condanna per padre e figlio

di

MARSALA. Il pubblico ministero ha chiesto una condanna a tre anni e sei mesi di reclusione e al pagamento di una multa pari a duemila euro per due marsalesi accusati di truffa all’Inps. Si tratta di Giacomo e Piernicola Abrignani, rispettivamente di 61 e 37 anni, padre e figlio, l’uno ex rappresentate e l’altro impiegato della Cia - Confederazione italiana agricoltori - di contrada Strasatti, assistiti dagli avvocati Diego Tranchida e Giacomo Pipitone che hanno perorato l’innocenza dei loro assistiti chiedendone l’assoluzione, per entrambi «perché i fatti non sussistono o per non averli commessi».

Si tratta del processo che si sta celebrando davanti al giudice monocratico del Tribunale di Marsala Matteo Giacalone – al secondo piano del Palazzo di giustizia “Paolo Borsellino” e che scaturisce da un’indagine effettuata dagli uomini della sezione di polizia giudiziaria della Guardia di Finanza coordinati dal procuratore capo Alberto Di Pisa e dal sostituto Nicola Scalabrini che nel luglio del 2013, in conferenza stampa, parlarono di una truffa pari a trecentomila euro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X