stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lettera minatoria a un'azienda che lavora a Custonaci
CARABINIERI

Lettera minatoria a un'azienda che lavora a Custonaci

di
La minaccia contenuta nella lettera inviata da Antonino Barone e Lorenzo Poma alla ditta «Rovil» di Roma per ottenere l’assunzione di un parente

CUSTONACI. «Stiamo capendo che non ai capito l’avvertimento da bottiglia con l’accendino, ma a capire che non volevo fare cose grosse ma se non ti metti a posto la prossima ti facemo saltare tutti i mezzi nallaria picchi semu chiddi che non schezziamo». Ecco la lettera minatoria, zeppa di errori grammaticali, che Antonino Barone e Lorenzo Poma - arrestati per tentata estorsione dai carabinieri di Alcamo - avrebbero inviato al rappresentante legale dell’impresa «Rovil» di Roma, impegnata nella realizzazione della rete per il metano, a Custonaci.

Una missiva per sollecitare l’assunzione di un parente degli indagati, ossia il figlio di Barone. Prima di scrivere la lettera i due complici - ora rinchiusi nelle carceri di San Giuliano - avrebbero collocato davanti ad un mezzo dell’impresa una bottiglia contenente liquido infiammabile e un accendino. Un vero e proprio atto intimidatorio per costringere la vittima designata ad assecondare la richiesta avanzata. Vittima che, però, non ha ceduto alle pressioni, sporgendo denuncia. Nemmeno la telefonata fatta - secondo gli investigatori - da Poma «sono quello della bottiglia e della lettera. Non scherziamo vi facciamo saltare in aria tutti i mezzi», ha piegato il rappresentante della «Rovil».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X