stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Furti al cimitero a Trapani, i visitatori: facciamo noi le ronde
IL CASO

Furti al cimitero a Trapani, i visitatori: facciamo noi le ronde

di

TRAPANI. Nonostante le denunce dei visitatori, i ladri continuano ad agire indisturbati al cimitero comunale del capoluogo. E c’è, ora, chi prospetta di organizzare delle ronde, tra i viali alberati, per difendere le tombe dei propri cari. Una certezza: i furti ormai sono diventati una vera e propria emergenza. L’ultimo caso è stato denunciato da Maurizio Camilleri di 51 anni, residente nella frazione di Nubia, nel territorio di Paceco. “Ancora una volta – dice – sono stati rubati i fiori che avevo portato tre giorni prima ai miei genitori. E non è la prima volta che accade. Circostanza, questa, che conferma che il camposanto è diventato terra di nessuno”. Maurizio Camilleri ha sporto denuncia alla polizia. “Ho informato – afferma – anche la direzione del cimitero e il comando della polizia municipale, affinchè vengano adottati tutti gli accorgimenti del caso per tenere alla larga i malintenzionati. Il camposanto – aggiunge con amarezza - che dovrebbe essere il luogo più sicuro della città e, invece, il luogo meno sicuro. Parlando con altre persone abbiamo deciso di organizzare una sorta di ronda per difendere le tombe dei nostri cari perché i furti al cimitero ormai sono diventati sistematici”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X