stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Denise, chiesti 15 anni di carcere per la sorellastra Jessica
MAZARA DEL VALLO

Denise, chiesti 15 anni di carcere per la sorellastra Jessica

PALERMO. Il procuratore generale della Corte d'appello di Palermo ha chiesto la condanna a 15 anni di carcere, per Jessica Pulizzi nel processo di secondo grado per il sequestro di Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. L'imputata, accusata di sequestro di persona in concorso,  il 27 giugno 2013 fu assolta dal Tribunale di Marsala «per non aver commesso il fatto».

Jessica, sorella per parte di padre di Denise (Piero Pulizzi), era stata assolta  con la formula del secondo comma dell'articolo 530 del codice di procedura penale, «mancata o insufficiente formazione della prova». Anche i pm del Tribunale di Marsala avevano invocato la condanna a 15 anni di carcere. «Una serie di indizi chiari, univoci e convergenti - affermarono i pm di Marsala nella requisitoria - inducono a ritenere che Jessica sia stata l'autrice del sequestro. È colpevole senza alcun dubbio. Anche se non può aver agito da sola».

Per false dichiarazioni al pm, il Tribunale di Marsala condannò, invece, a 2 anni di reclusione Gaspare Ghaleb, 28 anni, ex fidanzato di Jessica. Per lui, adesso, il procuratore generale della Corte d'appello ha invocato il non luogo a procedere per prescrizione del reato. Denise Pipitone sparì tra le 11.45 e le 11.50 del primo settembre 2004.

Stava giocando davanti casa, in via Domenico La Bruna, mentre la nonna materna Francesca Randazzo, cui era stata affidata, stava preparando il pranzo e di tanto in tanto la controllava attraverso l'uscio. L'ultimo a vedere Denise sarebbe stato un cuginetto che abitava poco distante. Alla terza udienza del processo di primo gradò, Piera Maggio, madre di Denise, dichiarò: «Ho detto subito agli inquirenti quali erano i miei sospetti in merito alla scomparsa di mia figlia. Poi, Gaspare Ghaleb mi disse che 'l'odio porta a pensare a cosa brutte e che Jessica gli aveva detto che io le avrei rovinato la vita e per questo me la doveva fare pagare». Nel corso del processo d'appello è, poi, saltata fuori un'intercettazione ambientale effettuata 40 giorni dopo il sequestro in cui, secondo il perito Mendolìa, si sente Jessica Pulizzi che sussurra alla sorella minore Alice: «Eramu n'casa? a mamma l'ha uccisa a Denise». Ma un altro perito nominato dalla stessa Corte d'appello, Delfino, ha, successivamente, affermato che la clamorosa frase «in parte non si sente».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X