stampa
Dimensione testo
RANDAGISMO

Il canile di Trapani inadeguato e inefficiente: sopralluogo della commissione

di
Sollecitata l’amministrazione ad accelerare l’iter per la costruzione del nuovo ricovero

TRAPANI. Il canile di Trapani, situato provvisoriamente presso l’ex macello comunale, non soltanto non è idoneo, ma è soprattutto insufficente. Per questa ragione molti randagi vengono «dirottati» a Caltanissetta presso una struttura privata con la quale il Comune ha una convenzione. Di conseguenza è necessario per la città di Trapani dotarsi di una struttura adeguata ed attrezzata.

Da qui la decisione della commissione consiliare di sollecitare l’amministrazione comunale ad accelerare al massimo i tempi per realizzare al più presto possibile un canile. E’ questo in sostanza l’esito di un sopralluogo della commissione consiliare «Mercati, canile, mattatoio e cimitero» del Comune, presieduta dal consigliere Nino Bianco. In pratica, il canile da diversi anni ormai è stato sistemato presso l’ex macello ed ospita circa 80 cani, ma da qualche anno parte della struttura è stata dichiarata inagibile dall’autorità competente. Il Comune, comunque, proprio per far fronte ad una situazione di emergenza, provvede a far ricoverare molti cani presso la struttura privata nissena che, in base ad una convenzione stipulata a suo tempo, ha anche il compito di mantenere e curare gli animali.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X