stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Filiera pesca a Trapani, riflettori puntati sui titolari delle aziende multate
OPERAZIONE PHOENIX 3

Filiera pesca a Trapani, riflettori puntati sui titolari delle aziende multate

di
Dopo il maxi-sequestro prosegue l’attività dei militari della Guardia costiera
multe, pesce, Trapani, Cronaca

TRAPANI. Prosegue l’operazione della Capitaneria di porto culminata nel sequestro di circa 21 tonnellate di derrate alimentari (di origine animale e vegetale), per un valore complessivo di 250 mila euro. Merce, secondo quanto accertato dai militari della Guardia costiera, priva di tracciabilità, in precarie condizioni igienico-sanitarie e messa in vendita oltre il termine massimo di conservazione.

Al vaglio adesso la posizione dei responsabili delle tre aziende della grossa distribuzione, che operano a Trapani e a Erice, passate al setaccio. Le loro giustificazioni sul fatto che non erano a conoscenza che i prodotti erano scaduti, ovvero non erano destinati all’alimentazione ma alla pesca, infatti, non hanno convinto né Capitaneria, nè Asp (impegnata nei controlli sulla qualità della merce). La vicenda potrebbe avere ulteriori sviluppi qualora venissero accertati reati commessi dai titolari delle ditte che per il momento sono stati soltanto multati. Complessivamente sono stati elevati verbali per un importo di 30 mila euro, in relazione alle violazioni delle normative igienico-sanitarie, riscontrate nel corso dell’ispezione. Frattanto, c’è da registrare l’intervento della ditta “Nino Castiglione” che non è stata minimamente toccata dall’operazione denominata “Phoenix 3”, condotta dalla Capitaneria.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X