stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La morte dell'imprenditore al pronto soccorso di Trapani, la denuncia dei familiari
SANITA'

La morte dell'imprenditore al pronto soccorso di Trapani, la denuncia dei familiari

di
Era in attesa con un «codice giallo» quando si è aggravato. L’Asp: «I medici erano impegnati con altri 3 cardiopatici»

TRAPANI. Un’altra tegola si è abbattuta sull’ospedale “Sant’Antonio Abate”, dopo la vicenda del piccolo Daniel deceduto nel reparto di pediatria, in circostanze ancora tutte da decifrare. Un imprenditore è morto al pronto soccorso e i familiari hanno sporto denuncia ai carabinieri, ipotizzando un presunto caso di malasanità. A perdere la vita Pietro Colletta, titolare della ditta di onoranze funebri di via Vespri, a Valderice. Aveva 75 anni. Sposato, padre di tre figli.

La tragedia si è consumata, giovedì mattina, intorno alle 12,30. Pietro Colletta era a passeggio con la moglie quando ha avvertito un forte dolore al petto. I due coniugi erano nei pressi dell’ospedale e, pertanto, si sono subito recati al pronto soccorso. All’imprenditore è stata misurata la pressione. Era alta: 190. Dopo avergli assegnato il “Codice giallo”, il paziente – secondo il racconto dei familiari - è stato fatto accomodare in sala d’aspetto, in attesa di essere visitato dai medici, impegnati con altri pazienti. Poco dopo, pero, Pietro Colletta si è accasciato per terra. Inutili i tentativi di rianimarlo. Il suo cuore aveva cessato di battere. Per sempre. La salma è stata trasferita all’obitorio del Sant’Antonio Abate. Entrambi i figli dell’imprenditore si sono recati al comando provinciale dei carabinieri di Trapani, per sporgere denuncia.

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X