stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calatafimi, deruba anziana: arrestata marsalese
CARABINIERI

Calatafimi, deruba anziana: arrestata marsalese

di
Era entrata in casa con la scusa di proporre un contratto per conto dell’Enel alla pensionata

CALATAFIMI. Con la scusa di proporre un contratto per conto dell'Enel, aveva bussato alla porta di un'anziana vedova abitante nel centro di Calatafimi Segesta. Si è fatta accogliere in casa di quest'ultima per qualche minuto, raggirando quindi l'ignara malcapitata e derubandola. Ma è stata rintracciata dai Carabinieri dopo poche ore, quindi è adesso agli arresti domiciliari. Si tratta di Vasana Di Giovanni, trentunenne di origini thailandesi ma da anni residente a Marsala. E' stata proprio l'anziana donna a chiamare al "112", cosicché i militari dell'Arma diretti a Calatafimi dal maresciallo Giuseppe De Rosa e coordinati dal capitano Savino Capodivento comandante della Compagnia di Alcamo hanno tratto in arresto in flagranza di reato la giovane delinquente.

La signora, ultraottantenne, era stata ingannata dai modi affabili e cortesi della falsa dipendente dell'Enel, facendola entrare in casa. La giovane, con una mossa fulminea, si era impossessata del portafoglio dell'anziana donna, posto su un mobile della cucina. Senza che la proprietaria se ne accorgesse. La ladra, di conseguenza, se n'è andata via con disinvoltura. Ma la vittima, accortasi dell'ammanco e di essere stata quindi tratta in inganno, ha chiamato i carabinieri fornendo una descrizione della giovane. Questa è stata quindi rintracciata dagli inquirenti, mentre era nascosta in un anfratto tra i vicoli del centro storico. Ha ammesso il furto e ha consegnato spontaneamente la refurtiva. "Tale vicenda, conclusasi a lieto fine - evidenzia il capitano Capodivento -, costituisce ancora una volta l'occasione per ribadire e ricordare a tutte le persone anziane e specialmente a quelle che vivono da sole in casa, di fare attenzione alle truffe e non fare entrare in casa persone sconosciute, allertando immediatamente le forze dell'ordine della presenza di persone sospette cosicché si possa procedere ai necessari controlli".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X