stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Castelvetrano, il racconto di un bancario: "La mia pensione per i randagi"
DITELO A RGS

Castelvetrano, il racconto di un bancario: "La mia pensione per i randagi"

di

CASTELVETRANO. Con i soldi della pensione accudisce cani e gatti randagi delle periferie di Castelvetrano.  È la singolare storia di Vincenzo Napoli, 67 anni, ex impiegato del Banco di Sicilia che tutti i giorni, festività comprese, provvede a dare cibo e assistenza a tanti cani e gatti che si trovano in alcuni quartieri cittadini.  Ieri, Vincenzo Napoli, appassionato di storia dell'arte e scienze naturali, è stato ospite della trasmissione radiotelevisiva «Ditelo a RGS» del Giornale di Sicilia, dove ha spiegato cosa fa per cani e gatti randagi . «Amo da sempre gli animali- ha affermato - . Adesso che sono in pensione posso fare di più e ogni mattina nel corso delle mie lunghe passeggiate provvedo a portare cibo e farmaci ai cani e gatti abbandonati. Non cerco notorietà - aggiunge - vorrei solo ricordare che anche a Castelvetrano ci sono validi volontari delle associazioni che assistono i cani. E lo fanno bene. Ma ce ne sono tanti e aiutarli non guasta».

Napoli, oltre al cibo, osserva gli animali che incontra e, se sono feriti, li segnala ai vigili urbani. Quando può, li cura lui stesso. «È complessa la procedura di recupero dei cani feriti -afferma Napoli -. Spesso si perde troppo tempo per il recupero e trasferimento nel canile. Nei weekend, poi, tutto si ferma».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X