L'ACCUSA

"Appropriazione indebita", indagato l'ex vescovo di Trapani Miccichè

Secondo i pm si sarebbe intascato decine di migliaia di euro destinate dai contribuenti all'otto per mille

TRAPANI. L'ex vescovo di Trapani Francesco Miccichè è indagato dalla Procura per appropriazione indebita: secondo i pm si sarebbe intascato decine di migliaia di euro destinate dai contribuenti all'otto per mille. Il procuratore di Trapani, Marcello Viola, ipotizza a carico del prelato il reato di appropriazione indebita aggravata.  In serata la Guardia di Finanza ha perquisito l'abitazione dell'ex vescovo e quella di Orazio Occhipinti, ex dipendente della Curia.  A carico del prelato ci sarebbero le accuse di Don Ninni Treppiedi, suo ex braccio destro, coinvolto in un'altra inchiesta in cui Micciché è parte lesa e sospeso a divinis, e quelle dell'ex direttore della Caritas, Sergio Librizzi, imputato in un'altra inchiesta di concussione e reati sessuali. Sia Treppiedi che Librizzi stanno rendendo dichiarazioni ai magistrati.  Micciché venne rimosso da papa Ratzinger dalla carica di vescovo di Trapani proprio a seguito dell'inchiesta in cui il prelato risultava parte lesa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X