stampa
Dimensione testo
CONSUMI D'ACQUA

Bollette sotto accusa, l'Eas: "Sono legittime"

di
Le amministrazioni dell’agro-ericino, Favignana, San Vito e l’associazione Consumatori avevano sollevato una serie disservizi nell’emissione fatture

TRAPANI. Accusato di una serie di disservizi dalle amministrazioni comunali dell'Agro ericino, Favignana e San Vito Lo Capo e dalle Associazioni dei consumatori che in particolare contestano la emissione delle fatture a saldo dei consumi idrici del 2008 e del 2009, l'Eas ha risposto ufficialmente spiegando, in termini tecnici, la legittimità delle fatturazioni e facendo alcune precisazioni. Il tutto è contenuto in una nota a firma del commissario liquidatore dell'Ente acquedotti siciliani, Dario Bonanno, e del dirigente del Servizio, Ciro Di Corte. Tra l'altro si puntualizza che i contatori guasti o illeggibili che non è stato possibile sostituire "per le notorie difficoltà finanziarie" in cui versa l'Eas, "non comportano maggiore eccedenza per l'utente"; che per il cattivo funzionamento del contatore è possibile chiedere una "verifica in contraddittorio" che "non è stata mai rifiutata" e che le fatture contengono anche i canoni fognari e di depurazione che l'Eante acquedotti siciliani "riscuote in nome e per conto dei comuni gestiti, a cui verranno riversati i relativi introiti".  Ribadendo, quindi, che non è possibile sospendere la riscossione delle fatture, l'Eas si dichiara, comunque, disponibile prendere in considerazione "eventuali rateizzazioni, come di fatto, sta facendo".

Alla nota già replicano i sindaci pur dicendosi disponibili ad un confronto la cui urgente organizzazione viene affidata al presidente della Regione Rosario Crocetta e all'assessore per le Acque ed i Rifiuti Vania Contraffatto. Gli amministratori locali sottolineano, comunque che i canoni fognari e depurativi sono "da tempo ed illegittimamente trattenuti" dall'Eas in danno dei Comuni "nonostante le diffide" e la "carente conduzione Eas relativa alle mancate attività manutentive e gestionali delle reti, con l'inesauribile (e come giudizialmente già acclarato) deterioramento delle stesse nonché a valere di ingenti interventi sostitutivi che stanno collassando finanziariamente i Comuni".

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X