stampa
Dimensione testo
INCENDI

Notte di fuoco a Trapani: distrutti otto mezzi

di
Incendi, ancora tutti da decifrare; che a quanto pare, però, avrebbero un collegamento tra di loro. Sulla vicenda la polizia mantiene il massimo riserbo. «Cause - dicono gli investigatori - ancora da accertare». L’ipotesi del corto-circuito appare, però, assai remota

TRAPANI. Sembrano avere i contorni di una vera e propria intimidazione nei confronti di una impresa di onoranze funebri - ma le cause, tuttavia sono ancora in corso di accertamento - i due incendi che, la scorsa notte, hanno distrutto otto mezzi. Due in via Messina, gli altri, invece, nella frazione trapanese di Salinagrande. Due episodi che in città e nel suo hinterland hanno fatto scattare l’allarme. Incendi, ancora tutti da decifrare; che a quanto pare, però, avrebbero un collegamento tra di loro.

Questa è almeno la tesi investigativa della polizia chiamata a far luce sulla vicenda. In entrambi i casi, il fuoco ha bruciato auto di proprietà di Salvatore Mazzara, uno dei titolari della ditta «Mazzara e Riccobene» con sede a Trapani. Distrutto anche un furgone dell’impresa funebre. Due raid, quindi, che porterebbero la stessa firma. Sulla vicenda la polizia mantiene il massimo riserbo. Anche i vigili del fuoco, in questa direzione, non si sbilanciano in attesa dei risultati dei riscontri scientifici. Che i due incendi possano essere stati causati da un corto-circuito, tuttavia appare una ipotesi assai remota. Quasi da scartare. «Le cause sono ancora in corso di accertamento», tagliano corto gli investigatori. Altro non aggiungono.

ALTRE NOTIZIE NELL'EDIZIONE DI TRAPANI DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X