stampa
Dimensione testo
LA DENUNCIA

Trapani, «morso da un creditore»: si rivolge alla Procura

di
Un artigiano ha presentato un esposto dopo essere stato curato dai medici dell’ospedale

TRAPANI. I casi di maggiore rilevanza mediatica si sono verificati nel mondo dello Sport. In principio fu Mike Tyson. Durante un match di boxe del novembre 1996 contro Evander Holyfield staccò un orecchio a morsi all’avversario. Un episodio usato come termine di paragone per gli altri di «cannibalismo», la cui fama ha resistito alle alle «gesta» dell’attaccante Luis Suarez anche in occasione del morso che ha rifilato durante Uruguay-Italia dell’ultimo Mondiale a Giorgio Chiellini (documentato dalla prova tv, perché non era stato sanzionato dall'arbitro nè dai suoi collaboratori). Nel «suo piccolo» anche l’esterno Enis Nadarevic, quest’anno al Trapani, era stato paragonato a Mike Tyson perché nella scorsa stagione, quando era al Bari, durante un contrasto avrebbe trattenuto la gamba di Diego Falcinelli, allora alla Virtus lanciano, sferrando un morso all'altezza della coscia all’avversario. Un episodio sempre smentito dal giocatore bosniaco. Secondo la sua versione dei fatti, avrebbe urtato con la faccia la coscia di Falcinelli perché era in caduta.  Nella cronaca più o meno nera i fatti di «cannibalismo» si sprecano. Uno è stato rappresentato ieri, con una denuncia-querela direttamente in Procura, da un artigiano che sostiene di avere ricevuto un morso da un suo creditore per il quale sarebbero stati necessari 10 punti di sutura da parte dei medici dell’ospedale Sant’Antonio Abate.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X