stampa
Dimensione testo

Pantelleria, storia di Sara La cagna volata a Bologna

Era arrivata al canile in maggio in cattive condizioni ed aveva partorito 5 cuccioli anche essi adottati in Emilia

PANTELLERIA. Da Pantelleria una cagna finisce in un centro anziani di Bologna per la felicità degli ospiti della casa. Si chiama Sara, ha tre anni ed era stata sottratta a maltrattamenti dall'associazione Pantelleriabau che gestisce il canile dell'isola. Era arrivata al canile a maggio ed aveva partorito 5 cagnolini. Una socia sostenitrice, Maria Cristina Comini, aveva organizzato il trasferimento dei cuccioli a Bologna dove sono stati tutti adottati. Sara era stata adottata in una struttura di ricovero di animali abbandonati.

Ma la bella storia prosegue: a luglio la signora Raffaella Ansaloni, responsabile del Centro polifunzionale per anziani Cardinal G. Lercaro, di Bologna,telefona per chiedere di poter adottare un cane per fare compagnia agli ospiti della residenza. Si reca perciò al rifugio della Animal Rights insieme ad un'anziana signora in carrozzina per conoscere i cagnolini. Appena Sara le vede entrare, va immediatamente loro incontro scodinzolando e facendo le feste alla signora, che si emoziona dal ricevere tanta dolcezza. Ed ecco che, dopo i dovuti controlli, Sara è andata a vivere nella residenza G.Lercaro di Bologna, accolta con grande entusiasmo dal personale e dagli ospiti. La piccola "pantesca" circola libera all'interno e all'esterno della villa, e viene coccolata da tutti, felici dell'amore che non cessa di dare in cambio di rispetto.

E' molto affettuosa con i suoi vecchietti, li considera il suo branco e li difende : infatti ringhia a chi non conosce e si avvicina troppo ai suoi amici del branco. Il canile di Pantelleria porta fortuna ai cani adottati. Lo scorso anno una cagna malandata e ammalata era stata adottata dalla famiglia dell'ambasciatore americano a Roma. Era stata il capo ufficio stampa dell'ambasciata, Paola Terzoli, frequentatrice come turista dell'isola a portarla a Roma e convincere l'ambasciatore ad adottarla. La cagna ha ora un educatore due volte la settimana ed esce in macchina con la scorta insieme alla figlia e alla moglie dell'ambasciatore americano. Il canile di Pantelleria è stato realizzato grazie alla donazione di 359 mila euro da parte di un ricco magnate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X