stampa
Dimensione testo

Calcio

Home Sport Calcio Il Trapani si rimette in gioco, Pirrello crede nella salvezza
SERIE B

Il Trapani si rimette in gioco, Pirrello crede nella salvezza

di

I chiarimenti del ministero dell’Interno sulle misure da applicare a partire da oggi consentono la ripresa della preparazione tecnico-atletica individuale anche per i calciatori del Trapani, che da stamattina hanno la possibilità di allenarsi all’interno dello stadio Provinciale, anche se contingentati e senza assembramenti.

Per la ripresa degli allenamenti collettivi, invece, bisognerà attendere il 18 maggio, la data indicata dal governo nazionale, quando i granata dovrebbero poter riprendere ufficialmente anche con il supporto dello staff tecnico di Fabrizio Castori. La società granata è però ancora in attesa di conoscere il protocollo sanitario approvato dalla Figc e l’ammontare delle risorse economiche che la federazione dovrebbe stanziare in favore delle società per farlo rispettare.

La gran parte dei calciatori granata, dunque, già da oggi si ritroverà al Provinciale dopo quasi due mesi di stop. Nei prossimi giorni verranno richiamati pure i «fuori sede», anche se per il loro rientro bisognerà tenere conto delle limitazioni previste per chi proviene da fuori regione.

Tra coloro che invece sono rimasti in città c’è Roberto Pirrello, il difensore alcamese cresciuto nelle giovanili del Palermo, giunto in prestito a gennaio dall’Empoli, unico trapanese della squadra granata: «Difendere i colori della squadra della propria città - sottolinea Pirrello - è sempre un motivo di grande vanto. Da professionista scendere in campo con qualsiasi maglia, d’altronde, rende orgogliosi e ti dà un senso di responsabilità, ma quando si tratta della propria città c’è uno stimolo di appartenenza maggiore». Nonostante tanta concorrenza nel suo ruolo, Pirrello è già riuscito a farsi apprezzare da Castori che già in quattro occasioni lo ha schierato da titolare al centro della difesa: «Soddisfatto del mio rendimento? Dopo poco tempo dal mio arrivo a Trapani ci siamo fermati per l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia, purtroppo, ma fino allo stop sono stato molto soddisfatto di come sono andate le cose».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X