Marsala, tagli per l’assistenza ai disabili

Ridotte ad un terzo le risorse economiche in dotazione al centro territoriale per l’handicap

MARSALA. Ridotte ad un terzo le risorse economiche in dotazione al Centro territoriale per le risorse per l’handicap, ma il preside Mariano Savalla spiega: “Abbiamo fatto scelte di priorità, ma siamo riusciti comunque a dotare un bambino di una sedia basculante e a garantire la formazione ai docenti di sostegno e agli insegnanti curriculari”. È stata fatta una vera festa, nell’istituto comprensivo Nosengo, a Petrosino - in quanto il CTRH “Mozia” ha competenza territoriale a Marsala e Petrosino - quando è arrivata la speciale sedia a rotelle basculante che sarà usata per le attività didattiche e non solo del piccolo Leonardo, bambino tetraplegico che frequenta la scuola media. “Si tratta di una sedia terapeutica mobile – spiega Mariano Savalla – che ha il pregio di crescere insieme al bambino, in quanto è regolabile da tutti i punti di vista e può accompagnare e sostenere tutti i movimenti e le azioni del piccolo che vi si siede sopra. Per il momento la userà Leo, ma rimarrà in comodato d’uso alla scuola anche in futuro”. In questo momento di crisi non è stato facile comprare questa sedia, il cui costo è di circa tremila euro. Infatti, se fino allo scorso anno, le risorse a disposizione del Ctrh erano pari a circa 15mila euro, da impiegare in corsi di formazione, progetti e strumenti utili ad ottimizzare la didattica per i bimbi e studenti disabili, quest’anno le somme a disposizione sono scese a 5mila euro. “Da qui la scelta di lavorare in assoluta economia, ma cercando di rispondere alle esigenze più urgenti”, prosegue Savalla, preside sia della Nosengo che dell’istituto superiore Cosentino che è anche la sede del Ctrh “Mozia”. Abbiamo comunque acquistato alcuni strumenti per laboratorio musicale e delle apparecchiature didattiche per non vedenti, ma soprattutto abbiamo puntato sulla formazione del corpo docente”. Quest’anno il corso di aggiornamento è incentrato su “Tecnologie e disabilità – come diffondere la cultura dell’integrazione” a cura del coordinamento scientifico composto da Evelina Chiocca, Laura Barbicato, Paolo Fasce e che vede come referente ctrh Giovanni Anselmi”. Si tratta di due moduli che prevedono anche lezioni on line e che riguardano rispettivamente, il primo l’uso delle tecnologie come strumenti di inclusione sociale e la cultura dell’integrazione e la relazione educativa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X