stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Panificazione in Sicilia, Cna Trapani contro Turano: “Normativa contradditoria”
LA POLEMICA

Panificazione in Sicilia, Cna Trapani contro Turano: “Normativa contradditoria”

Incertezza e confusione. È quel che denuncia CNA Trapani facendo riferimento alla normativa riguardante l’attività di panificazione in Sicilia e rilevando per altro che le modifiche al decreto 842 del 30 maggio 2018 “per certi versi sono palesemente contraddittorie con lo spirito dell’art. 2 dello stesso decreto”.

La questione sollevata da CNA- insieme alle altre Organizzazioni datoriali Confartigianato, Casartigiani, Claai e Confesercenti, che evidenziano criticità e incongruenze nel decreto emanato dall’Assessore regionale alle Attività Produttive, Mimmo Turano- riguarda in particolare le disposizioni sulla chiusura dei panifici, che a parte il giorno scelto a settimana, secondo la normativa regionale - e qui CNA evidenzia l’anomalia - dovrebbero anche restare chiusi almeno due domeniche al mese, la prima e la terza oppure la seconda e la quarta.

“La normativa è contraddittoria e crea confusione - dichiara Luigi Giacalone, di CNA Trapani- Ancora una volta l’Assessore Turano ha scelto di non confrontarsi con le principali Associazioni di categoria, firmatarie- ricordo- del contratto collettivo nazionale del lavoro, per giungere a pseudo soluzioni che non soddisfano i lavoratori del settore”.

“È giusto- continua Giacalone - che ciascun panificatore scelga il giorno di chiusura settimanale e lo comunichi al Sindaco, senza che gli vengano imposte anche due domeniche al mese di chiusura in più. Oppure che venga programmata una turnazione”.

“Se è vero che a Marsala, per esempio- continua Giacalone- i panifici hanno optato tutti per la chiusura domenicale, ci sono altre città come Trapani in cui alcuni panifici che hanno scelto di chiudere in altri giorni della settimana, e che potrebbero così essere penalizzati dall’imposizione di chiusura almeno due domeniche al mese”.

CNA - che insieme alle altre Organizzazioni datoriali ha scritto l’ennesima lettera all’Assessore Turano- torna inoltre nuovamente a far presente il problema della mancanza di un regolamento disciplinare circa la formazione professionale dei panificatori.

“Sono ben due anni che Turano disattende l’attuazione di questo importante regolamento disciplinare- dice Giacalone- con la conseguenza che chi avesse la volontà di aprire un’attività di panificazione non può farlo, perché- giustamente- per iscrivere un’attività artigiana alla Camera di Commercio, è necessario presentare anche la certificazione relativa alla formazione professionale. Una grave

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X