stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Castelvetrano, va per sedare una lite e viene spinto giù: ora è grave
RICOVERATO A PALERMO

Castelvetrano, va per sedare una lite e viene spinto giù: ora è grave

di
Trapani, Cronaca
Via Tagliata, a Castelvetrano: il punto in cui è stato spinto giù il carrozziere

Era andato per sedare una lite, tra vicini di casa, ma una ragazza con una spinta lo ha buttato giù dal parapetto. Adesso Antonino Calandrino 62 anni, noto carrozziere in pensione di Castelvetrano, è in gravi condizioni all’ospedale di Villa Sofia, a Palermo, dove è stato sottoposto a un delicatissimo intervento al cuore.

Intorno alle 23 circa l’uomo è sceso in strada dalla sua abitazione nel piazzale Padre Puglisi, lo slargo sopraelevato alla via Tagliata, attirato dalle grida di una giovane donna che a quanto pare stava litigando con un vicino di casa. Lo stesso Calandrino, temendo che potesse andarci di mezzo anche la sua autovettura parcheggiata nelle vicinanze di dove era in corso la forte discussione, si è avvicinato alla ragazza, cercando di calmarla e invitandola a ragionare. A questo punta la giovane, adesso denunciata dai carabinieri, avrebbe spinto contro la ringhiera bassa del parapetto l’uomo, che è andato a finire, dopo un volo di qualche metro nella scalinata sottostante.

Sul posto sono arrivati immediatamente gli operatori del 118, che hanno bloccato il sangue. Poi la corsa verso l’ospedale. Lì il carrozziere ha cercato di spiegare l’accaduto mentre il referto parlava di politrauma, fratture costali e vertebrali e soprattutto lesione dell’aorta ascendente, refertata subito dopo la tac, che ha aggravato il quadro clinico, facendo temere il peggio. È stato pertanto necessario fare intervenire l’elisoccorso che intorno a mezzanotte ha trasferito il ferito al Trauma center Villa Sofia di Palermo, dove ad attenderlo c’era il chirurgo vascolare che lo ha operato. Anche se l’uomo è in prognosi riservata ,pare che l’intervento sia andato bene. Adesso bisogna attendere il decorso post operatorio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X