stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Metastasi addominale, sperimentata per la prima volta a Trapani una tecnica che blocca il tumore
L'INTERVENTO

Metastasi addominale, sperimentata per la prima volta a Trapani una tecnica che blocca il tumore

di
L'intervento è stato eseguito per la prima volta in ambito nazionale nell’Unità operativa specialistica di Chirurgia toracica dello stesso Sant’Antonio Abate, diretta da Paolo Buffa

Un delicato intervento di "pulizia" della zona addominale infestata da metastasi del corpo di un paziente ricoverato all’ospedale di Trapani è stato eseguito, per la prima volta in ambito nazionale, nell’Unità operativa specialistica di Chirurgia toracica dello stesso Sant’Antonio Abate, diretta da Paolo Buffa.

Si tratta, in termine tecnico, di un intervento di "radicalizzazione chirurgica per metastasi linfonodale inguino iliaco pelvico". La radicalizzazione ha la funzione di prevenire chirurgicamente, rimuovendo i linfonodi, la possibilità che la malattia possa ri- velarsi recidiva.

L’intervento che è stato effettuato al Sant’Antonio si inserisce, per la sua particolare tecnica, in un programma scientifico sanitario più ampio, frutto della collaborazione tra i dipartimenti di Oncologia diretto da Leonardo Zichichi, Chirurgia diretto da Carlo Gianformaggio, l’Unità operativa complessa di Anatomia patologica diretta da Domenico Messina e quella di Oncologia diretta da Filippo Zerilli e Giuseppa Candela responsabile del Registro Tumori Aziendale, e con il Centro di Medicina Nucleare diretto da Vito Forbice.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X