stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Le lacrime di Pantelleria, case scoperchiate e muri abbattuti: i 2 feriti in ospedale con fratture multiple
DOPO LA TROMBA D'ARIA

Le lacrime di Pantelleria, case scoperchiate e muri abbattuti: i 2 feriti in ospedale con fratture multiple

Il bilancio dopo la tromba d'aria di venerdì è drammatico. Oltre alle due vittime tanti danni, ansia per la coppia di coniugi in ospedale

Pantelleria si lecca le ferite e fa un bilancio della tromba d'aria che l'ha investita nel tardo pomeriggio di venerdì, provocando due morti e nove feriti. Case scoperchiate, muri abbattuti, auto risucchiate in aria come fuscelli, alberi sradicati.

Il vigile del fuoco Giovanni Errera, 47 anni, padre di due bambini, era sulla sua Land Rover "Defender", un fuoristrada che pesa oltre due tonnellate e che le foto ritraggono sull'asfalto con le ruote in aria e l'abitacolo schiacciato. Anche Francesco Valenza, 86 anni, era in auto. Entrambi sono finiti nel vortice della tromba d'aria, perdendo la vita.

Dei nove feriti, sette (quattro turisti laziali e tre operai di Palermo) sono stati dimessi, ma una coppia resta ricoverata nell'ospedale Bernardo Nagar dell'isola. L'uomo ha fratture alla colonna vertebrale, la donna alla gabbia toracica.

Le ricerche, con il supporto di droni, sono andate avanti. Finora non sono stati segnalati scomparsi nell'isola affollata di turisti. Nulla è lasciato al caso, e ieri, dopo aver avvistato due ciclomotori sugli scogli, i soccorritori hanno setacciato la zona. Per fortuna il bilancio, già pesante, è fermo ai numeri di ieri.

Dopo una mattinata ventosa e con un po' di pioggia, nel pomeriggio qualche raggio di sole ha diradato i nuvoloni. La zona colpita è quella a nordest dell'isola, Khattibugale e, soprattutto, Campobello: aree verdi che fanno ombra ai tradizionali dammusi, alcuni dei quali sono stati scoperchiati come scatolette di tonno. Dentro una delle case è stata trovata un'auto e i tetti non hanno resistito al vento - che secondo i meteorologi ha superato i cento chilometri orari - e alla pioggia di pietre.
Per le strade dell'isola si respira un'aria di mestizia, qualcuno racconta di un riparo trovato in una grotta, come nella preistoria.

Intanto, nel pomeriggio il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci - insieme al suo vice Gaetano Armao, all'assessore Ruggero Razza e al responsabile regionale della Protezione Civile Salvo Cocina - si è recato nell'isola e ha effettuato un sorvolo per rendersi conto dei danni e per annunciare che la giunta regionale delibererà lo sato di emergenza e chiederà al governo nazionale di proclamare lo stato di calamità.
L'area colpita, raccontano i testimoni, adesso sembra un paesaggio lunare. La tromba d'aria ha trovato un ostacolo nella cala dei Cinque Denti, con alle spalle un fronte montagnoso che ha "morso" e spezzato la corsa del violento vortice naturale che si accingeva a divorare altre contrade.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X