stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca A Castellammare torna l'incubo cinghiali per le strade, installata la segnaletica di pericolo
COMUNE

A Castellammare torna l'incubo cinghiali per le strade, installata la segnaletica di pericolo

Torna l'incubo cinghiali per le strade di Castellammare del Golfo, soprattutto nelle ore notturne. Il Comune ha provveduto all'installazione della segnaletica stradale per indicare il pericolo nelle zone più a rischio, ma il sindaco Nicolò Rizzo lancia un nuovo appello alle autorità competenti, «alle quali abbiamo già chiesto, circa sei mesi fa, di intervenire per la sicurezza pubblica. Il Comune non ha possibilità di azione e siamo in attesa di un tavolo tecnico con gli esperti per stabilire come procedere alla cattura e all'eventuale reimmissione in natura degli animali».

L’amministrazione comunale invita intanto gli automobilisti alla prudenza posizionando dei segnali che indichino la presenza dei cinghiali precisamente in via San Paolo della Croce, viale Umberto I fino all'incrocio con la strada per Guidaloca e via Bocca della Carrubba.

Una vera e propria emergenza, fanno presente il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore alla Protezione Civile Leonardo D’Angelo: «Siamo in contatto con il nucleo operativo di Palermo del Corpo Forestale della Regione Siciliana per la cattura degli esemplari di cinghiali che sono stati riavvistati in città. Dallo scorso dicembre non c'erano più state segnalazioni, riprese da qualche settimana con avvistamenti soprattutto notturni: gli animali arrivano da Monte Inici e raggiungono transitate vie periferiche della nostra città e già si sono verificati i primi pericoli per l’incolumità degli automobilisti, seppur fortunatamente non gravi».

«Già a novembre, non avendo possibilità di azione poiché di competenza di altri enti, abbiamo chiesto l'intervento della prefettura, dell’assessorato regionale Agricoltura e Foreste, dell'Asp veterinaria e dell'ispettorato forestale di Trapani in considerazione della frequenza delle incursioni di questi animali selvatici in città. Riteniamo che con il giusto monitoraggio i problemi possano diventare addirittura risorse come nel caso degli ungulati. Continueremo a sollecitare gli enti di competenza -concludono il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore alla Protezione Civile Leonardo D’Angelo- per una soluzione quanto più celere possibile a salvaguardia dell'incolumità pubblica».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X