stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Marsala, incassò somma da una cliente ma non avviò la causa: legale sospesa
GIUSTIZIA

Marsala, incassò somma da una cliente ma non avviò la causa: legale sospesa

Un avvocato di Campobello di Mazara, in provincia di Trapani, ha subito un provvedimento di sospensione dall'esercizio della professione forense per tre anni. La donna incassò la somma richiesta ad una cliente ma non avviò mai la causa. Si tratta di Maria Laura Passanante, di 58 anni, appartenente al Foro di Marsala.

Il provvedimento è stato firmato dal presidente del Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Marsala, Giuseppe Spada, sulla base di una sentenza del Consiglio nazionale forense.

Nel 2015, la Cassazione confermò la sentenza con cui la Passanante era stata condannata a due mesi di reclusione e a 600 euro di multa - pena sospesa) - per appropriazione indebita aggravata da abuso di prestazione d'opera. La professionista - condannata anche al pagamento di un risarcimento danni di 5 mila euro in favore della parte civile e al pagamento delle spese processuali (anche in questo caso pena sospesa) - era finita sotto processo, per infedele patrocinio, con l'accusa di avere incassato una somma, circa 2 mila euro, a titolo di anticipo, da una cliente per avviare una causa civile contro una compagnia di assicurazioni al fine di ottenere un risarcimento danni a seguito della morte del figlio in un incidente stradale. Il legale, però, non avviò la causa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X