DAL GDS IN EDICOLA

La strage di Pizzolungo, si apre il procedimento a Caltanissetta: tre i Comuni parte civile

di
strage di pizzolungo, Vincenzo Galatolo, Trapani, Cronaca

Si è aperto ieri mattina a Caltanissetta, innanzi al gup, giudice Valentina Baldo, con la costituzione delle parti offese il procedimento che vede imputato Vincenzo Galatolo, boss palermitano del Rione dell’Acquasanta, quale mandante della strage di Pizzolungo del 2 aprile 1985.

Tra i presenti in aula che si sono costituiti parte civile: l'ex pm Carlo Palermo, vero obiettivo dell'autobomba e Margherita Asta, figlia e sorella delle tre vittime della strage, Barbara Rizzo (all’epoca 33 anni) ed i suoi figli di sei anni, i gemellini Salvatore e Giuseppe Asta.

Mamma e gemellini viaggiavano nell’automobile che quella mattina al momento della deflagrazione dell’autobomba fece da scudo a quella del giudice Palermo, salvandogli la vita.

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X