Castellammare, pontili: sospese le concessioni

Trapani, Archivio

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Giorni di acceso dibattito sul caso del rilascio di concessioni demaniali nell'area portuale. Comunicati stampa a raffica da parte di Movimento 5 Stelle Castellammare e "Cambiamenti", finché ieri il sindaco Nicolò Coppola ha annunciato che tali concessioni "sono sospese". Il sindaco ha infatti incontrato Capitaneria, Soprintendenza, Genio civile e Arta Demanio di Palermo. "Alla conferenza di servizi da me convocata - riferisce - hanno ritenuto legittima la richiesta di sospendere il rilascio di concessioni demaniali marittime nel tratto di costa che va dal castello fino a Petrolo. Hanno preso parte tutti gli enti chiamati in causa, che ringrazio. Il demanio si è anche impegnato a sospendere i procedimenti non ancora conclusi. Sono soddisfatto".
"Precedentemente - prosegue il sindaco - il Comune aveva già diffidato a proseguire i lavori per la realizzazione di un pontile, una ditta che li stava avviando in virtù della concessione demaniale. Sottolineo che questa concessione rilasciata dal demanio ha ottenuto parere contrario del Suap ad aprile del 2013, prima della mia elezione". Quindi afferma: "E' impensabile che si rilascino ancora concessioni fin quando non saranno conclusi i lavori di messa in sicurezza del porto, come ha evidenziato anche il presidente del consiglio comunale Domenico Bucca, sottolineando che il consiglio, con due distinte delibere, ha chiesto agli organi preposti al rilascio di autorizzazioni demaniali, di sospendere qualsiasi iter".
Il sindaco Coppola si dice anche "amareggiato per le insinuazioni e le accuse", nei suoi confronti, "dal gruppo consiliare Cambiamenti". E conclude: "Il demanio regionale prende atto di quanto convenuto e si impegna a verificare, anche acquisita la certezza della consegna delle aree oggetto di intervento in appalto relativo alla messa in sicurezza del porto, la possibilità di sospendere i procedimenti non ancora conclusi, pertinenti lo specchio d'acqua portuale. Il 23 aprile si terrà un'altra conferenza di servizi dove saranno prese le decisioni conclusive".
Sul caso del rilascio di concessioni per pontili galleggianti di fronte al castello, nei giorni scorsi il Movimento 5 Stelle Castellammare aveva sostenuto che l'opera autorizzata dalla Soprintendenza sarebbe difforme rispetto a quella oggetto della concessione. "Con concessione n° 65/14 rilasciata dall'ufficio periferico del demanio marittimo di Trapani - scrive il M5S - veniva autorizzata alla Ditta Acquarius rent boat snc la posa dei pontili menzionando il parere favorevole reso dalla soprintendenza di Trapani". E aggiungendo: "Si evince che lo stesso è riferito solamente ad "ormeggio imbarcazioni", "nello specchio acqueo del porticciolo" e che "le opere da realizzarsi non interferiscono visivamente con il contesto di alta rilevanza storica e paesaggistica". Il movimento "Cambiamenti" non ha usato mezzi termini, scrivendo di "un manipolo di privati che ha avuto in concessione lo spazio antistante il castello per la posa di un pontile di 80 mt, 2 campi boa e un lido in zona Marinella, su quegli scogli tra il castello e Petrolo". Cambiamenti prosegue: "Questa concessione è stata rilasciata dall'assessorato Territorio e Ambiente, dietro esito favorevole dell'istruttoria rilasciata dall'ufficio provinciale del demanio e nonostante il parere negativo della Soprintendenza ai Beni Paesaggistici e Culturali. Nel mese di gennaio in consiglio comunale è stata votata all'unanimità una mozione di indirizzo che impegnava l'amministrazione a tutelare la zona del porto. Si può accettare che si indica una conferenza di servizi a lavori già iniziati quando si era a conoscenza del progetto già dal mese di ottobre?".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X