stampa
Dimensione testo

Motopesca sequestrato in Tunisia torna a Mazara

Le autorità tunisine hanno rilasciato il Twenty Four dopo il pagamento di un’ammenda
Trapani, Archivio

MAZARA DEL VALLO. Dopo il pagamento di un'ammenda è stato rilasciato dalle autorità tunisine il motopesca mazarese 'Twenty Four' bloccato in mare e condotto nel porto di Sfax il 14 settembre scorso con altri sei motopesca egiziani mentre navigava a circa 30 miglia dalle coste nel tratto di mare chiamato 'Mammellone'. Il rilascio è avvenuto nei giorni scorsi ma si è appreso soltanto ora che il peschereccio è arrivato a Mazara del Vallo. Il 'Twenty four' appartiene alla società armatrice 'M.C.V. Pesca srl'. La notizia del sequestro è stata diffusa solo molti giorni dopo, quando uno dei marittimi, Alessandro Santo Novara, 39 anni, è stato ricoverato per un infarto in gravi condizioni in ospedale a Sfax.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X