stampa
Dimensione testo

Ex sindaco e assessore accusati di corruzione: assolti dopo 11 anni

Nino Laudicina e Giuseppe Scalabrino erano sotto inchiesta per lo "scandalo degli asili nido" del 24 aprile 2001. Scagionati dalla seconda sezione della Cassazione
Trapani, Archivio

TRAPANI. La parola fine è arrivata a 11 anni dall’avvio dell’inchiesta. L’ex sindaco di Trapani Nino Laudicina e l’ex assessore della sua giunta, Giuseppe Scalabrino, sono innocenti. Accusati di falso e corruzione in relazione al cosiddetto «Scandalo degli asili nido» sono stati definitivamente scagionati dalla seconda sezione della Corte di Cassazione che ha giudicato «inammissibile» il ricorso della Procura generale contro la sentenza emessa il 13 marzo del 2011 dalla Corte di Appello di Palermo che ne aveva decretato l’assoluzione «per non avere commesso il fatto». L’ex sindaco è stato difeso dall’avvocato Nino Marino, Scalabrino dall’avvocato Marco Siragusa.
Lo «scandalo» venne alla luce il 24 aprile del 2001. Laudicina e Scalabrino vennero arrestati e, con loro, altri amministratori e funzionari comunali, nel corso degli anni via via usciti di scena per avere patteggiato la condanna, per essere stati assolti in appello o per avere beneficiato della prescrizione dei reati di cui erano accusati. Paradossalmente l’indagine era stata avviata a seguito di una denuncia presentata dalla stessa giunta Laudicina.
Il servizio completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X