stampa
Dimensione testo

Selinunte, ritrova i fratelli dopo 49 anni grazie a Facebook

I due gemelli vivono in America ed erano ignari di avere una madre ancora viva, una sorella e tre fratelli. Piccolissimi erano stati adottati perché la mamma non era nelle condizioni di mantenerli. Adesso si chiamano Maria e Daniel Palumbo e vivono in Pennsylvania
Trapani, Archivio

CASTELVETRANO. Ritrova i suoi fratelli dopo quarantanove anni, grazie al social network Facebook. Sembrerebbe un film, ma è accaduto realmente.
Loro sono due gemelli di quarantanove anni che vivono in America ed erano ignari di avere una madre ancora viva, una sorella e tre fratelli. Lei, Rossella Grandini, di origini milanesi ma residente a Selinunte, è stata determinata nel ritrovarli. Sua madre, Lia Magistrelli, ha dato alla luce i gemelli, Antonella e Marco, il dieci agosto del 1963, due anni dopo Rossella.
Lia si trovava in grosse difficoltà economiche, visto che i bambini non avevano un padre. E cosi fu trasferita, subito dopo il parto, dall'ospedale in un istituto. Lì, la donna lavorava e accudiva i suoi bambini, ma questi furono adottati, perché lei non era nelle condizioni di mantenerli. Tutto questo solo dopo pochi mesi dalla loro nascita.
Da allora Lia, non è più riuscita a sapere nulla dei suoi bambini, tranne che («forse) si trovassero in America. Come è noto, la legge sulle adozioni prevede che una volta adottati i bambini cambino nome e cognome e si perdano le tracce.
Lia viveva a Milano, dopo essersi apparentemente rassegnata, ma sempre con la morte nel cuore, per avere perso i suoi due bambini. Non le rimaneva che una vecchia foto scattata in ospedale. Lia si rimbocca le maniche, continua la sua vita, accudisce Rossella e conosce un altro uomo. Da questa relazione nasceranno Stefano, Massimo e Alessandro. Rossella si sposa e va a vivere a Selinunte, la madre rimane a Milano e soffre in silenzio.
Ma Rossella non si è mai rassegnata, voleva conoscere a tutti i costi i suoi fratelli e fare questo regalo alla madre. Con l'avvento di Internet, aiutata dai suoi tre figli, ha continuato a cercare i gemelli, un’impresa quasi impossibile perché sapeva solo i loro nomi e cognomi, dati alla nascita. Cosi ha deciso di iscriversi su facebook in alcuni gruppi «dedicati» alle adozioni, in cui tanta gente si aiuta per ritrovare le madri naturali e viceversa.
Un giorno scrive un annuncio: «Cerco i miei fratelli gemelli Antonella e Marco, nati il 10/08/63 ad Abbiategrasso (Milano). Il loro cognome alla nascita era Magistrelli. Dal 29/05/65, risultano iscritti all'Aire (anagrafe italiani residenti all'estero) negli Stati Uniti d'America». Dopo pochi mesi arriva la risposta tanto attesa in inglese. «Mi chiamo Maria Palumbo, mio fratello ed io siamo gemelli, abbiamo le stesse date di nascita che hai scritto e abbiamo il nome della nostra madre naturale, Lia Maria Magistrelli, nata il 04/03/42».
Rossella ha pianto per l'emozione, tramite amici del gruppo sulle adozioni li ha contattati e videochiamati con l'interprete, loro erano ignari di tutto. I loro genitori adottivi gli avevano detto che la madre naturale era morta e che non avevano né fratelli né sorelle.
Loro adesso si chiamano Maria e Daniel Palumbo, vivono in Pennsylvania e non sono sposati. Scoprono però con gioia e tanto shock di avere una sorella, tre fratelli di sangue e nove nipoti.
«Per dare la notizia a mia madre, l'abbiamo fatta venire in Sicilia con una scusa - ha detto Rossella Granzini - ed ha pianto per l'emozione. Adesso è a Milano ma giorno venti ci sarà il grande momento, infatti Maria e Daniel verranno in Sicilia. Un'ora prima arriverà mia madre da Milano con i miei tre fratelli, dopo aspetteremo all'aeroporto dopo 49 anni i miei due fratelli americani e superata l'emozione andremo a Selinunte. Grazie ai gruppi sulle adozioni su faceboo... Senza di loro non avremmo mai trovato i miei fratelli».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X