CHIESA DI SANTA LUCIA

Castelvetrano, in chiesa un presepe provocatorio

di
presepe castelvetrano, Trapani, Cronaca

Un presepe «provocatorio», quello realizzato dal Don Meli nella Chiesa di Santa Lucia a Castelvetrano, dove al posto del Bambin Gesù, nella culla campeggia un bigliettino con la scritta: «decreto sicurezza», mentre al posto di un pastorello un’altra frase: «Per la mia sicurezza sono espatriato».

Cosi come Gesù, Giuseppe e Maria fuggirono da chi li perseguitava, destinatario dell'immagine è il «persecutore» identificato nel ministro Salvini che, con il Decreto sicurezza, darebbe secondo Don Meli un schiaffo ai principi cardine di integrazione e accoglienza alla base della società civile.

Don Meli, schierandosi sempre a favore delle politiche di accoglienza, ha per questo, in una sorta di messaggio indiretto di protesta, deciso di offrire un bambinello Gesù dalla pelle nera. Il piccolo Gesù è stato collocato in una posizione differente della Chiesa rispetto alla sua classica culla.

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X