SERIE C

Trapani, con il Catanzaro 3 punti che valgono oro: al Provinciale finisce 2-1

di
catanzaro, serie c, trapani, trapani catanzaro, Trapani, Qui Trapani
L'attaccante Nzola, foto trapanicalcio.it

Il Trapani mostra un ottimo carattere giocando da grande squadra e si identifica con la mentalità del proprio tecnico che a fine gara va ad esultare con grande gioia sotto la Curva per un successo voluto e meritato dopo aver essere passati subito in svantaggio e poi aver fallito un calcio di rigore contro una squadra di spessore come il Catanzaro. Un successo per 2-1 che la dice lunga su questa squadra che nella prima fase della contesa non si è potuta esprimere al massimo con Taugourdeau sacrificato per esigenze tattiche e anche di infortuni sulla linea dei difensori.

Per tale motivo il Trapani scende in campo con la novità del centrocampista Toscano con l'esclusione difensore Mulè rispetto alla formazione che ha vinto domenica scorsa a Pagani. Il modulo è il solito 4-3-3. Tra gli ospiti del Catanzaro un ex dello scorso campionato, il portiere Jacopo Furlan, rimasto nel cuore della tifoseria granata. Il granata Corapi ha giocato con la maglia catanzarese.  Una cinquantina sono i tifosi giunti dalla Calabria. All’8’ il signor Sozza di Seregno, arbitro dell’incontro, assegna un penalty in favore degli ospiti per una caduta in area di Kanoute. Della battuta s’incarica lo stesso giocatore che al 9’ batte il portiere Dini.

Il Trapani non tarda a cercare il pareggio e al 13’ con una incursione dalla sinistra di Evacuo sfiora il palo di Furlan. I granata continuano a premere ma il Catanzaro si difende con ordine. Al 26’ è pericoloso la formazione calabrese con Fischnaller, sul quale mette una pezza il portiere Dini che salva in angolo. La squadra di Auteri è molto abile a pressare a centrocampo. Alla mezz’ora il guardalinee di destra segnala un fallo in area calabrese e il direttore di gara fischia il rigore per i granata. A calciare è Felice Evacuo che si fa ribattere sul palo la conclusione dall’ex compagno Furlan e la situazione non cambia.

La ripresa inizia male per il Trapani con un penalty fischiato per il Catanzaro al 49’ per un fallo di Ferreira. È Kanoute a spedire in porta ma questa volta Dini blocca la palla e il risultato rimane sull’1-0 per gli ospiti. Al 59’ il tecnico Italiano sostituisce Toscano con Scognamillo e Tulli con Nzola. In questo modo Taugourdeau torna in cabina di regia dopo aver fatto il centrale difensivo. È il francese al 66’ a risolvere i problemi del Trapani con un calcio di punizione magistrale a rientrare sul quale Furlan non può far altro che raccogliere la palla in fondo al sacco. Al 70’ è Nzola ad avere un’ottima occasione in area ma cincischia troppo.

Il Trapani insiste e passa in vantaggio con Pagliarulo che tocca per ultimo in mischia al 74’. Il Provinciale esplode. Nell’occasione viene ammonito il portiere ospite Furlan il quale sostiene che la palla non abbia oltrepassato la linea. I tifosi granata esultano per la terza volta dopo una battuta a rete di Nzola al 77’ ma l’arbitro fischia il fuorigioco. All’85’ Italiano mette in campo un difensore, Garufo, e fa uscire la punta Dambros. Sono tre i minuti di recupero, ma il Trapani lotta su ogni pallone vincendo una gara importantissima.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X