L'OPERAZIONE

Veliero con 6 tonnellate di hashish a largo di Pantelleria, arrestati 3 membri dell'equipaggio

di

Nuova imponente operazione antidroga del Comando Regionale Sicilia della Guardia di Finanza, in cooperazione con il Comando Operativo di Pratica di Mare e il Servizio Centrale Investigativo Criminalità Organizzata di Roma.

Con la collaborazione della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga italiana, dal CeCLAD-M Francese e dalle Autorità Doganali francesi, è stato individuato un veliero in navigazione a Nord Ovest dell’isola di Pantelleria con a bordo 6 tonnellate di hashish, confezionate in tipici sacchi di iuta contenenti differenti quantità, tra le quali spiccano quelle riportanti sulle confezione il marchio distintivo “Totò Rina”.

La sostanza stupefacente sequestrata, destinata ai consumatori europei, avrebbe potuto fruttare al dettaglio, oltre 50 milioni di euro.

Le indagini hanno consentito al nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo, di segnalare al reparto operativo aeronavale di Palermo e al gruppo aeronavale di Messina ciò che stava accadendo. Sono così partiti un pattugliatore, un guardacoste e due elicotteri, oltre a due aeromobili operanti in quell’area marittima nell’ambito della missione Themis dell’Agenzia Europea Frontex.

Il veliero è stato avvistato da uno dei due elicotteri a circa 30 miglia a nord ovest di Pantelleria. Non esponendo alcuna bandiera e priva di sigle identificative, l'imbarcazione è stata sottoposta a stringente monitoraggio anche tramite il dispositivo aereo in volo, finché non è stato raggiunto dal guardacoste G202 “Salerno”.

Il reparto operativo aeronavale di Palermo ha autorizzato l’abbordaggio da parte del guardacoste. L’imbarcazione, denominata “El Canonero”, di colore bianco, lunga 12.40 metri e larga 4.25 metri aveva a bordo un ingente quantitativo di sostanza stupefacente racchiusa in sacchi di iuta ed era condotta da tre persone di equipaggio: due spagnoli e un colombiano, D.G.C. di 37 anni e A.T.A. di 39 anni e L.A.C.S. di 38 anni. La verifica documentale effettuata a bordo consentiva di rilevarne la nazionalità belga, con porto di registrazione Cartagena.

Il veliero, dopo aver effettuato uno scalo tecnico nel porto di Pantelleria per la sua messa in sicurezza mediante
ottimizzazione della distribuzione del carico, è stato scortato nel porto di Trapani, dove nel frattempo era intervenuta una “task force” costituita da oltre 20 militari del gico di Palermo, del nucleo opolizia economico-finanziaria di Trapani e del servizio centrale investigativo  criminalità organizzata di Roma per l’approfondito controllo al momento dell’attracco.

I finanzieri, dopo aver preso contatti con la procura della Repubblica di Trapani, hanno sequestrato l’imbarcazione mentre i tre membri dell’equipaggio sono stati arrestati e portati nel carcere di Trapani.

La “El Canonero” è la quarta imbarcazione che viene sequestrata nel Canale di Sicilia da questa estate dopo la “Quest”, la “Remus” e la “Leucothea”.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X