LA MANIFESTAZIONE

A Gibellina il Festival Internazionale delle Orestiadi: primo appuntamento con Stefano Accorsi

di

Si inaugura sabato 7 luglio la 37esima edizione del Festival Internazionale delle Orestiadi di Gibellina, in occasione del cinquantesimo anniversario del terribile terremoto che sconvolse la città. Ad aprire la kermesse "La Lunga notte del contemporaneo", evento performativo promosso in collaborazione con la biennale d’arte Contemporanea, Manifesta 12, produzione esclusiva per le Orestiadi 2018. Le Orestiadi 2018, che si svolgeranno fino all’11 agosto, attraverseranno quattro temi principali: #ClassicoContemporaneo, #QuarantaCinquanta, #CittaLaboratorio, #PoeticamenteSicilia.

Dalle ore 20 in quattro luoghi del Baglio di Stefano - la Terrazza, il Cortile inferiore, la Montagna di sale, il Giardino degli Odori - andranno in scena quattro performance inedite che si intrecceranno tra di loro: "Grammi" in Terrazza, "Gold" nel Cortile inferiore, "Beat", nel Cortile superiore, sulla Montagna di sale, e "Il corpo nostro è simile ad un giardino" nel Giardino degli odori.

Dalle ore 22,30 alle ore 24,00 saranno visitabili gli spazi del Museo delle Trame Mediterranee che ospitano i lavori di ‘Collective Intelligence’, collettivo di 10 artisti che vivono e lavorano in Finlandia, Germania e Palermo, ospitati in residenza dalla Fondazione Orestiadi, da maggio a luglio.

Domenica 8 luglio, dalle ore 21.15 si entra nel vivo di uno dei temi principali del Festival, “#ClassicoContemporaneo”, grazie ad un adattamento originale dell’Orlando Furioso con Stefano Accorsi, che giocherà con i versi dell’Ariosto.

 

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X