AMBIENTE

Isole Egadi, pescatori all'opera lungo le coste per la raccolta dei rifiuti marini

di

Pescatori sentinelle ma anche spazzini del mare.

Alle isole Egadi la storica figura di chi da decenni pratica la pesca locale si arricchisce di ulteriori qualifiche. Innovative per chi ha sempre pensato che andare per mare significava solo fare il pescatore. Alle Egadi, grazie al piano d’azione del Flag “Isole di Sicilia” (finanziato coi fondi del Feamp 2014-2020) è iniziata la raccolta di «marine litter», ossia rifiuti marini.

La prima tappa, quella inaugurale, si è tenuta a Marettimo, la più lontana delle tre isole, dove i locali pescatori hanno iniziato a raccogliere bottiglie, involucri di plastica e rifiuti di ogni genere, gettati in mare dalle mani degli uomini che, per tutta risposta, le stesse acque restituiscono sotto gli occhi del mittente.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X