ARTE

Un affresco emerge dalla grotta dell’Itria a Marsala

di

Il sottosuolo di Marsala si conferma un’autentica miniera di antichi capolavori d’arte. Dopo l’affresco cinquecentesco («Madonna con bambino») venuto alla luce nei sotterranei della Madonna della Cava e svelato al pubblico lo scorso gennaio, adesso ne è stato scoperto un altro, ancora più antico (risalirebbe, infatti, al 1200 circa), nella grotta sottostante la chiesa di Santa Maria dell’Itria.

Quest’ultima, realizzata tra il XVII e XVIII secolo, è attigua al convento degli Agostiniani scalzi (in parte, adesso, occupato dall’ufficio tecnico del Comune di Marsala), accanto alla catacombe dei Padri Niccolini e al cimitero urbano. L’affresco ritrovato, raffigurante una «Vergine orante», è venuto alla luce una decina di giorni fa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X