LA SENTENZA

Campobello di Mazara, incendiò il portone di casa di un carabiniere: condannato a 8 mesi

di
portone incendiato campobello di mazara, Trapani, Cronaca
Ottavio Bono

Con liquido infiammabile (benzina) e un accendino, all’alba dell’8 dicembre 2015, avrebbe dato fuoco al portone d’ingresso dell’abitazione di un carabiniere Matteo Noto. Grazie, però, alle immagini registrate dal sistema di video-sorveglianza privata del militare, fu individuato e mandato sotto processo. Inevitabile, grazie alle immagini che hanno immortalato l’attentato incendiario, la condanna. Protagonista della vicenda è stato Ottavio Bono, 46 anni, nato a Cittadella, ma residente a Campobello di Mazara. Il giudice monocratico di Marsala Vito Marcello Saladino gli ha inflitto, con rito abbreviato, otto mesi di reclusione; il pm Raimonda Albertini aveva invocato un anno e due mesi, pur riconoscendo l’attenuante del «vizio parziale di mente».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X