VIA XV MAGGIO

Alcamo, bene confiscato alla mafia diventa residenza artistica

La Giunta municipale di Alcamo ha destinato un bene confiscato alla mafia che si trova in via XV Maggio, nel centro storico della città, a residenza artistica.

L'intento, fa sapere l’amministrazione comuale, è quello di "dedicare il bene ad attività connesse alla crescita del patrimonio culturale della città, realizzando un sistema di residenze temporanee gratuite per artisti che, nel periodo di permanenza ad Alcamo lavoreranno alla produzione di progetti culturali originali in relazione al nostro territorio per avviare, sviluppare o consolidare le attività culturali, utilizzare e potenziare la fruibilità dei nostri contenitori culturali, anche in sinergia con altri soggetti della filiera artistico-culturale del territorio".

"Vogliamo che la nostra città - dichiara il Sindaco, Domenico Surdi - diventi punto di riferimento non solo per i nostri artisti ma anche per tutto il territorio nazionale ed europeo: l’obiettivo è quello di creare una struttura che lavori insieme al nostro Museo d’Arte Contemporanea, il MACA che già ha ospitato mostre di altissimo livello. E’ nostro intendimento far sì che la Città possa essere laboratorio di nuove idee e progetti per rilanciare il territorio artisticamente con evidenti ricadute per il turismo culturale e per il progresso della comunità. Sono particolarmente contento, inoltre, che in tal modo si restituisca alla collettività un bene confiscato alla criminalità", sottolinea il primo cittadino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X