L'OPERAZIONE

Marinella di Selinunte, ritrovati e distrutti 21 ordigni bellici in mare

Ventuno pericolosi ordigni esplosivi della seconda guerra mondiale sono stati ritrovati a pochi metri dalle case di Marinella di Selinunte (Trapani) e distrutti dai palombari del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare distaccati presso il Nucleo Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi di Augusta.

L'operazione è stata condotta dal 9 al 12 maggio. La segnalazione alle autorità locali della presenza di un particolare manufatto riconducibile ad un ordigno esplosivo è stata fatta da un subacqueo che stava svolgendo immersioni sportive in apnea a 50 metri di distanza dalla costa ed a solo 2 metri di profondità.

La Prefettura di Trapani, valutando il potenziale pericolo per la pubblica incolumità, ha disposto e coordinato l'intervento di bonifica d'urgenza che è stato effettuato dai Palombari della Marina Militare.

"Condurre queste operazioni - ha dichiarato il Comandante del Nucleo SDAI di Augusta, Tenente di Vascello Marco Presti - ci rende sempre orgogliosi e soddisfatti del nostro servizio a favore della collettività". "Questo coscienzioso subacqueo, che durante la sua immersione ha visto un presunto ordigno - ha continuato - ha permesso di farci individuare e neutralizzare ben 21 proiettili di grosso calibro risalenti all'ultimo conflitto, che abbiamo neutralizzato attuando le consolidate tecniche tese a preservare l'ecosistema marino".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X