PROCURA

Centro massaggi "a luci rosse" a Trapani, chiesto processo per due donne

di

Una, Xiaolan Han, è accusata di sfruttamento della prostituzione, l’altra, Hongying Li, di falsa testimonianza. Per le due cinesi che, a vario titolo, avrebbero lavorato nel «Tuina», il Centro massaggi “a luci rosse” di via Nino Bixio, frequentatissimo e da un target di clienti vario,chiuso lo scorso mese di dicembre dopo le indagini della Squadra Mobile della Polizia, la Procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio e l’udienza preliminare, per decidere in merito, è stata fissata per martedì dal giudice Emanuele Cersosimo.

Secondo l’accusa Xiaolan Han, 48 anni, che è stata indicata come titolare del Centro massaggi  «a luci rosse», oltre a prostituirsi, favoriva e sfruttava la sua connazionale, Hongying Li, 52 anni, incassandone parte degli introiti e impartendole disposizioni circa il comportamento da tenere con i «clienti».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X