CORTE D'APPELLO

"Ingiusta detenzione", risarcimento da 176 mila euro per un uomo di Gibellina

La quarta sezione penale della Corte d’appello di Palermo ha riconosciuto un risarcimento per "ingiusta detenzione" di 176 mila euro a Vincenzo Salvatore Onorio, 63 anni, di Gibellina che il 16 febbraio 2010 fu arrestato dai carabinieri nell’operazione "Nerone" con le accuse di associazione mafiosa e tentata estorsione. In carcere Onorio vi rimase per due anni e 11 giorni (fino al 27 febbraio 2012).

In primo grado, nel luglio 2012, il tribunale di Marsala l’ha assolto dall’accusa di associazione mafiosa, condannandolo a quattro anni di carcere per tentata estorsione. In secondo grado, però, nel marzo 2015, la Corte d’appello di Palermo lo condannò anche per mafia: complessivamente 12 anni di reclusione.

Un pentito sosteneva che Onorio, produttore caseario, era uomo del clan capeggiato dal boss latitante Matteo Messina Denaro. Ma il 14 luglio 2015, la Cassazione ha annullato (senza rinvio) la sentenza di secondo grado, riqualificando il reato di tentata estorsione in "esercizio arbitrario delle proprie ragioni", un reato che prevede solo una pena pecuniaria ed è punibile a querela di parte. Ma dal momento che la parte offesa non aveva sporto querela, l’assoluzione è stata definitiva.

A difendere Vincenzo Salvatore Onorio, assistendolo anche nella causa per il risarcimento dell’ingiusta detenzione (la richiesta è stata di 500 mila euro), sono stati gli avvocati Marcello Montalbano e Nino Caleca.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X