IL CASO

L’ex Provincia paga, ma il teatro Marrone resta chiuso a Trapani

di

TRAPANI. Nonostante abbia simbolicamente restituito le chiavi del Teatro «Tito Marrone», alla Regione, proprietaria dell’intero complesso edilizio del Lungomare di Trapani sede del Polo Didattico di cui fa parte, e che la struttura si trova da anni in stato di abbandono e preda dei vandali, il Libero Consorzio Comunale di Trapani (l’ex Provincia) paga circa 2 mila euro come somma residua per l’ultimo intervento di ristrutturazione che vi è stato fatto.

È emerso, infatti, che l’ impresa «Fratelli Colomba Francesco & Giuseppe» di Castellammare del Golfo, che aveva effettuato per un importo di 361.883,61 euro (al netto del ribasso del 29,3528% con il quale si era aggiudicato il relativo appalto), tutta una serie di lavori di ristrutturazione dell’acustica, degli impianti idrici, di condizionamento e riscaldamento e di illuminazione, era ancora creditrice della somma di 1.916,76 euro oltre Iva per un complessivo di 2.338,45 euro.

Importo che è stato liquidato all’impresa esecutrice che aveva concluso quei lavori entro il termine contrattuale del primo maggio 2015. Da allora, però, il teatro è rimasto inutilizzato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X