COMUNE

Tariffe più care ad Alcamo, impianti sportivi chiusi per protesta

di

ALCAMO. Impianti sportivi spenti da mercoledì sera. Dal "Palatresanti" alla palestra di via Verga tutti al buio. Nessun black-out ma dietro c'è molto di più.

Diverse società infatti hanno deciso di sospendere ogni attività dopo il decreto del sindaco Domenico Surdi che rende operative già dall'1 aprile scorso le nuove tariffe rincarate in alcuni casi anche del 300 o 400 per cento per la fruizione di palestre, stadio e campo sportivo.

Ad essersi fermate completamente basket, pallamano e pallavolo, oltre che la scuola calcio Ludos. Un’altra società ancora, Alqamaq volley, si dice costretta ad «emigrare» e già ha trovato «casa» a Partinico.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X