IL PROGETTO

A Erice un centro d'accoglienza per le donne vittime di violenza

di

ERICE. L’obiettivo è la realizzazione di un Centro di prima accoglienza e di ascolto per donne vittime di violenza, anche accompagnate da minori. Per ospitarlo sarebbe già disponibile un immobile assegnato al Comune di Erice, o ad un altro del territorio, e confiscato alla mafia.

E’ quello che si propone la  Rete per la Vita, un sodalizio costituito dalle Associazioni Osservatorio per la Legalità e per i Diritti violati, Simona Genco Onlus, Azione Cattolica, Codici – Centro per i diritti del cittadino, Movimento per la Vita, Centro di Aiuto alla Vita, Centro Italiano Femminile, Forum delle Famiglie e Movimento Cristiano dei lavoratori.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X