COMUNE

Assenze non giustificate, licenziata dipendente del Comune di Alcamo

di

ALCAMO. Diventa definitivo a tutti gli effetti il licenziamento operato dal Comune nei confronti di una ex Lsu, stabilizzata nel 2010 e quindi divenuta a tutti gli effetti dipendente. Lo ha stabilito il giudice del lavoro del tribunale di Trapani, Mauro Petrusa, che con propria ordinanza ha rigettato il ricorso di reintegrazione che la donna aveva richiesto sulla scorta di una serie di motivazioni che però non hanno trovato alcun riscontro.

Per il municipio alcamese si tratta del primo licenziamento in assoluto applicando la cosiddetta «legge Fornero» che implica restrizioni importanti e ben precisi doveri al lavoratore subordinato, pena per l’appunto anche il licenziamento in tronco. Ed è quello che è accaduto in questo specifico caso. A decretare il licenziamento fu il segretario generale del Comune, Vito Bonanno, nel maggio dello scorso anno il quale si rese conto dell’assenza della lavoratrice, nell’anno precedente, di ben 18 giornate di cui 13 non giustificate.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X