IL PROCESSO

Omicidio dei due tunisini a Marsala, l'imputato: "Non mi trovavo nella zona"

di

PALERMO. «La notte in cui furono uccisi i due tunisini ero altrove. Non ero nella zona di Samperi». Si è difeso così, ieri, davanti ai giudici della Corte d’assise d’appello di Palermo, il 48enne marsalese Pietro Centonze, che in primo grado è stato condannato a 20 anni di carcere, insieme al cugino Domenico Centonze, di 42 anni, per il duplice omicidio dei tunisini Rafik El Mabrouk e Alì Essid, di 31 e 34 anni, uccisi con due colpi di fucile, la notte del 3 giugno 2015, in contrada Samperi.

In appello, la difesa (avvocati Diego e Massimiliano Tranchida, Luigi Pipitone e Raffaele Bonsignore) ha chiesto e ottenuto la riapertura dell’istruzione dibattimentale per l'assunzione di nuove prove, sulle quali hanno già relazionato, in aula, l’ex generale del Ris dei carabinieri di Parma Luciano Garofano e Pietro Indorato, esperto in traffico telefonico.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X